logo wat
technology
maggio 30, 2016 - Toyota

Primi risultati per il progetto di car-sharing Toyota a Grenoble

  • Cinque partner impegnati: La città di #grenoble, EDF e la sussidiaria Sodetrel, #toyota e Cité Lib (Car Sharing locale)
  • Oltre 1.000 utenti registrati al servizio ‘Cité Lib by Ha:mo’
  • Soddisfazione al 92%
Roma -   A 18 mesi dal lancio dell’innovativo servizio di Car Sharing presso #grenoble, in Francia, i partner rendono pubblici i primi risultati.

Nell’ottobre del 2014, è partito un progetto di partnership che ha impegnato #toyota, la città e l’area metropolitana di #grenoble, la compagnia di gestione dell’elettricità EDF con la sua sussidiaria Sodetrel e la azienda di Car Sharing locale Cité Lib.

Basato sull’idea che l’utilizzo di una molteplicità di mezzi di trasporto (la cosiddetta “multimodalità”) sia la soluzione all’inquinamento e alla congestione del traffico, il progetto ha messo a disposizione degli utenti 70 veicoli ultra-compatti i-ROAD e COMS di #toyota, all’interno di una piattaforma di condivisione denominata ‘Ha:mo’ (harmonious mobility). Queste eco-vetture sono state rese disponibili per gli spostamenti a corto raggio presso 27 stazioni di raccolta, gestite dalla Sodetrel, in grado di riconoscere i badge individuali e le tessere del servizio pubblico degli utenti. 

Oggi gli utilizzatori possono effettuare le prenotazioni tramite il proprio smartphone e pianificare i propri spostamenti in “multi-modalità” (con l’utilizzo quindi di un mix tra mezzi pubblici e privati), collegandosi a Métromobilité, il servizio on-line gestito dalla città di #grenoble.
‘Cité Lib by Ha:Mo’ coniuga quindi le innovazioni degli attuali servizi di Car Sharing a una multi-modalità senza precedenti. Il numero di utenti iscritti si attesta già oggi oltre le 1.000 unità. Martin Lesage, Director of Cité Lib: “I risultati sono molto incoraggianti se paragoniamo i primi mesi del nostro servizio a quelli di altri operatori di Car Sharing.”

L’obiettivo fissato per il primo anno era quello di definire tutte le componenti del progetto e di mettere in rete tutte le vetture e le stazioni di ricarica, oltre a promuoverne l’utilizzo nella città di #grenoble e nel suo hinterland. 
Per questo secondo anno di sviluppo, i partner puntano ad ampliare la community degli utenti, con lo scopo di raccogliere maggiori dati e incrementare l’utilizzo dei veicoli. 
Il terzo anno sarà quindi dedicato alla calibratura del Business Model per quanto riguarda questa tipologia di Car Sharing.

Una delle principali aree di studio riguarda la possibilità di estendere l’utilizzo dei #toyota COMS come alternativa alle due ruote per gli utenti tra i 16 e i 18 anni, offrendo loro l’accesso a una vettura quattro ruote low-cost e a velocità limitata. I partner stanno ora collaborando con alcune scuole guida per offrire agli utenti più giovani un’educazione adeguata prima di mettere loro a disposizione questa tipologia di vettura.

I primi risultati
A distanza di quasi 2 anni dall’inaugurazione del servizio, le indagini sull’utilizzo dei veicoli, che proseguiranno fino a settembre 2017, cominciano a fornire i primi dati interessanti:

- L’utilizzo dei veicoli avviene prevalentemente durante la settimana.
- Gli orari di punta rispecchiano quelli della altre modalità di trasporto: la mattina, l’ora di pranzo e il tardo pomeriggio.
- La distanza media percorsa è pari a 5 chilometri, ben inferiore all’autonomia di 35-50 km dei veicoli elettrici, dimostrando così l’adeguatezza di EV ultra-compatti per l’utilizzo urbano.
- La durata media del noleggio è pari a 45 minuti.
- La maggior parte degli utenti (75%) usufruisce dell’opzione sola andata, noleggiando la vettura in un punto per poi lasciarla in un altro.
- Il 20% degli utenti utilizza i veicoli per fare una o più soste.
- Le stazioni di ricarica più utilizzate sono le due situate prossimità della stazione dei treni, di gran lunga più sfruttate rispetto alle altre 25 stazioni di #grenoble e dell’hinterland.

I profili degli utenti
Sono state svolte diverse indagini anche per conoscere meglio il segmento degli utenti ‘Cité Lib by Ha:Mo’ e le loro abitudini:
- Per quanto il servizio riesca ad attirare diverse tipologie di persone, utente tipo è uomo, di circa 36 anni, impiegato e con diploma universitario.
- Gli studenti, sempre presenti in città durante l’anno accademico, rappresentano il 14% dei clienti.
- Il 43% degli utilizzatori possiede un abbonamento al servizio di trasporto pubblico (tram ed autobus, treni regionali e ferrovie nazionali).
- Il 54% utilizza la bicicletta 2 o 3 volte alla settimana, il 41% su base quotidiana;
- Il 74% possiede almeno un’automobile;
- Il livello di apprezzamento relativo al servizio è estremamente elevato: il 92%* degli utenti intervistati si ritiene soddisfatto o estremamente soddisfatto. Gli utenti riconoscono in particolare la praticità e la vocazione ecologica del servizio, accanto ad altre caratteristiche come il risparmio di tempo, il divertimento, la rapidità e i costi ridotti.

Christophe Ferrari, Presidente di Grenoble-Alpes Métropole: “Dopo aver esaminato i dati di questa sperimentazione, unica nel suo genere, possiamo confermarne l’ottimo potenziale e la buona integrazione in termini di multi-modalità. ‘Cité Lib by Ha:Mo’ si posiziona come risposta sostenibile ed innovativa alle nuove esigenze relative alla mobilità integrando i mezzi di trasporto esistenti.”


Community e prospettive future
‘Cité Lib by Ha:Mo’ ha creato una community di utenti per identificarne le esigenze e comprenderne le priorità. Numerosi sono stati i suggerimenti che hanno contribuito a migliorare il servizio: gli i-ROAD sono stati dotati di sospensioni più morbide; la finestra di prenotazione è stata ampliata da 30 a 60 minuti; la struttura dei prezzi è stata
semplificata partendo da 1€ per 15 minuti di utilizzo.


Cité Lib by Ha:mo in breve

 • 1.000 utenti 
• 70 mini-veicoli: 35 i-ROAD e 35 COMS
• 27 stazioni di ricarica
• 120 punti di ricarica dedicati
• Da 35 a 50 km di autonomia
• 1 euro per 15 minuti di utilizzo
• 75% degli spostamenti solo andata (senza tornare al punto di raccolta) 

* Secondo un’indagine svolta a marzo 2016 sui 400 utenti maggiormente attivi.