logo wat
technology
giugno 15, 2017 - Bosch

Conferenza annuale dati di bilancio 2017. Bosch in Italia continua a crescere. Nuove opportunità di business con l’IoT

  • 2,4 miliardi di euro di fatturato nel 2016 per il Gruppo #bosch in Italia
  • Buon inizio nel primo trimestre 2017
  • Bosch Deepfield® Robotics Smart Farming la prima start-up italiana
  • Sensortec sbarca in Italia
  • Formazione e orientamento dei giovani con il progetto di #bosch "Allenarsi per il Futuro"

Milano, 15 giugno 2017 – Nel 2016 #bosch, azienda leader di #tecnologie e servizi, ha conseguito in Italia un fatturato di 2,4 miliardi di euro, registrando una variazione percentuale positiva di circa il 6% rispetto all'anno precedente. L'Italia 
continua ad essere uno dei mercati più importanti a livello mondiale per la multinazionale tedesca. Il Gruppo #bosch in Italia che conta 20 società e 4 centri di ricerca, grazie ai suoi oltre 5.800 collaboratori, ha realizzato un risultato positivo con margini di crescita, nonostante l'economia globale non abbia avuto un andamento brillante, così come alcuni mercati di riferimento.

"Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti nell'esercizio 2016" ha dichiarato #gerharddambach - Amministratore Delegato del Gruppo #bosch in Italia. "Il 2017 è iniziato bene, nel primo trimestre, nonostante una prospettiva economica non favorevole, stiamo confermando i livelli di fatturato con una performance particolarmente positiva dei settori Mobility Solutions ed Energy and Building Technology" ha sottolineato Dambach. "Inoltre, oggi #bosch può contare su un proprio cloud per soluzioni IoT anche in nuove aree. A gennaio è nata la prima realtà italiana della start-up: #bosch Deepfield® Robotics Smart Farming. Di fatto vengono sviluppate soluzioni innovative per una agricoltura 4.0" ha concluso Dambach. Tramite sensori è infatti possibile trasmettere dati e informazioni utili agli agricoltori, come umidità, variazione di temperatura dell'aria a e del terreno, tutto gestito tramite un'App dedicata. 

Settori di #business in crescita
Il settore di Business Mobility Solutions ha registrato nel 2016 un risultato positivo dettato anche dal buon andamento del mercato. Il settore raggruppa il #business legato a componenti e #tecnologie forniti alle case automobilistiche e motociclistiche, il #business relativo a ricambi e attrezzature per officine, nonché i servizi legati alla mobilità del settore #automotive. In particolare le divisioni Gasoline Systems e #automotive Electronics hanno fatto segnare una crescita decisa delle vendite. Inoltre, il primo gennaio 2016 il Gruppo ha costituito una nuova organizzazione - Commercial Vehicles and Off-Road - dedicata alle vendite e progettazione tecnica del prodotto per il segmento di mercato dei veicoli commerciali e off-road dei clienti italiani. Sostanzialmente stabile l'andamento delle vendite nel 2016 per la divisione #automotive Aftermarket.
 
Per il settore di business Industrial Technology, #bosch Rexroth Italia, società del Gruppo fornitrice di applicazioni e sistemi per l'industria, ha realizzato nel 2016 un fatturato che registra uno scostamento negativo del #business di riferimento rispetto all'anno precedente a causa di un mercato in forte contrazione e la mancanza di grandi progetti. L'area Offshore Marine ha comunque registrato una buona performance. La divisione sta lavorando per migliorare la propria competitività concentrandosi soprattutto sulle innovazioni e sulla crescente importanza di soluzioni connesse e industria connessa che porteranno a significative opportunità di #business.

Nel 2016 il settore di business Consumer Goods è cresciuto considerevolmente. Un anno positivo dunque per la divisione Elettroutensili che ha potuto contare sul lancio di molti prodotti innovativi con l'obiettivo di rendere più facile e confortevole il lavoro del consumatore finale, sia esso un hobbista o un artigiano professionista. In linea con l'indirizzo dell'azienda, la divisione sta lavorando al fine di rendere i suoi prodotti connessi. Per quanto riguarda la divisione Elettrodomestici è da sottolineare una crescita significativa non solo del fatturato, ma anche delle quote di mercato. Lo scorso anno si è consolidata la ripresa del mercato di riferimento, che gradualmente si sta riavvicinando ai livelli pre-crisi finanziaria. In particolare, da segnalare l'apprezzamento del mercato per le categorie di prodotto quali lavastoviglie, asciugatrici e prodotti dell'area cottura.

Nel 2016 il settore Energy and Building Technology registra complessivamente un risultato positivo. La divisione Security Systems ha aumentato il proprio fatturato e confermato la propria presenza nel mercato di riferimento grazie alla chiusura di importanti contratti sia nel settore privato sia in quello pubblico. 
La società intende posizionarsi come leader nella fornitura di prodotti e servizi integrati per l'efficienza energetica, con una gamma di soluzioni che comprende la progettazione, realizzazione e gestione chiavi in mano.
La divisione Termotecnica del Gruppo #bosch chiude il 2016 in linea con l'esercizio dell'anno precedente. In particolare si è registrata una buona performance con la vendita di prodotti quali le caldaie a condensazione e le pompe di calore.

Nuova sede #bosch Sensortec Italia
Nel 2016, dopo Dresda, Monaco, Palo Alto e Shanghai #bosch Sensortec ha aperto la sua nuova sede in Italia che propone e sviluppa un ampio portafoglio di sensori MEMS, soluzioni e sistemi per applicazioni presenti in smart phone, tablet, dispositivi indossabili e per l'IoT. Attualmente, a Milano, un team di 12 persone lavora alla progettazione dei cosiddetti ASIC: il cervello dei sensori, ovvero la chiave per il futuro della connettività. Dal 2005, anno di fondazione, #bosch Sensortec è leader nel mercato di riferimento, basti pensare che oggi, più di una volta al secondo, gli smartphone in tutto il mondo utilizzano un sensore #bosch. Ad oggi sono stati prodotti oltre 8 miliardi di sensori MEMS.

Progetti Industry 4.0 made in Italy
In futuro, non saranno solo gli oggetti a essere connessi, nel 2016 #bosch Italia ha investito ulteriormente in progetti 4.0 creando centri di eccellenza nelle sedi produttive di Offanengo (manutenzione predittiva), Bari (logistica) e Udine (macchinari connessi).

CSR – Formazione e orientamento con il progetto "Allenarsi per il Futuro"
Nel 2016 #bosch Italia con il progetto Allenarsi per il Futuro è entrata a far parte della rosa delle 16 aziende che il MIUR (Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca) ha voluto includere nel progetto "Campioni dell'Alternanza" per la diffusione in Italia dell'alternanza scuola-lavoro attraverso progetti di qualità.
Allenarsi per il Futuro, che ha preso il via a gennaio 2015, è dedicato all'orientamento e alla formazione professionale dei giovani e si concretizza attraverso diverse iniziative #bosch sviluppate sul territorio italiano insieme a enti, istituzioni e scuole. Nel 2016 si sono svolte oltre 300 visite presso le scuole italiane, coinvolgendo 60.000 studenti e offrendo oltre 1.000 tirocini formativi. Per il 2017 gli obiettivi sono ancora più sfidanti per diffondere sempre più l'iniziativa di orientamento e alternanza scuola e lavoro coinvolgendo 100.000 studenti; una buona opportunità per rafforzare la sinergia e il rapporto tra istruzione e formazione.

Gruppo #bosch: strategia e previsioni per il 2017
Per l'anno in corso, nonostante una prospettiva economica debole e l'incertezza geopolitica, #bosch mira a raggiungere una crescita del fatturato compresa tra il 3 e il 5%. Nonostante considerevoli investimenti anticipati per salvaguardare il futuro dell'azienda, il risultato è destinato ad aumentare. "Il successo del #business oggi ci permette di dare forma al mondo di domani" ha dichiarato Volkmar Denner, CEO del Gruppo #bosch. "In qualità di leader nell'innovazione, stiamo guidando questo cambiamento" ha aggiunto Denner. Questa trasformazione è data soprattutto dai cambiamenti nella mobilità e nella connettività IoT. Entro il 2020 tutti i nuovi dispositivi elettronici di #bosch saranno connessi. La chiave è l'intelligenza artificiale (AI). Nei prossimi cinque anni, #bosch investirà 300 milioni di euro nel proprio centro per l'intelligenza artificiale.

Filtro avanzato