logo wat
technology
settembre 28, 2017 - Nissan

Mai più senza acqua: Nissan evidenzia i pericoli della disidratazione al volante

  • I conducenti commettono il doppio degli errori quando sono disidratati
  • Gli errori commessi equivalgono a quelli riscontrati nei conducenti con tasso alcolemico oltre il limite consentito
  • Due terzi dei conducenti non riconoscono i sintomi della disidratazione
  • Il video di Nissan, girato in collaborazione con il pilota NISMO Lucas Ordóñez, presenta una soluzione innovativa: una tecnologia tessile con sensori di traspirazione
  • Il video è disponibile al link: http://newsroom.nissan-europe.com/it/it-it/media/pressreleases/426205474/videos
Roma (28 settembre 2017) – Nissan invita i conducenti a bere più acqua quando sono al volante, evidenziando il potenziale impatto della disidratazione sulla sicurezza stradale.
Se da un lato i pericoli della guida in stato di ebbrezza sono ampiamente riconosciuti, dall’altro le ricerche sugli effetti della disidratazione dei conducenti sono relativamente scarse.
Uno studio del 2015 1, finanziato dall’European Hydration Institute e condotto dalla Loughborough University (Regno Unito), ha rivelato quanto segue:

  • I conducenti che hanno ingerito soltanto un sorso d’acqua (25 ml) ogni ora hanno commesso oltre il doppio degli errori in strada rispetto ai conducenti correttamente idratati
  • Il numero di errori era equivalente a quello riscontrato in persone con un tasso alcolemico dello 0,08%, l’attuale limite consentito per la guida nel Regno Unito
  • Tra gli errori più comuni sono stati riscontrati: azionamento tardivo dei freni, difficoltà a mantenere la traiettoria all’interno della propria corsia e perfino invasione involontaria delle corsie adiacenti
Non solo: oltre due terzi dei conducenti non sono in grado di riconoscere i sintomi della disidratazione, ossia stanchezza, capogiro, mal di testa, bocca secca e riflessi rallentati. 2

Per risolvere il problema, basterebbe semplicemente bere più acqua. Uno studio del 2013 3 condotto da due Università ha dimostrato che chi consuma mezzo litro d’acqua prima di eseguire attività mentali ha riflessi più veloci del 14% rispetto alle persone che non si idratano.

Nissan ha quindi presentato una soluzione innovativa. Dato che oggi una persona su sei ricorre alle tecnologie indossabili 4, Nissan si è ispirata al settore della salute e del benessere per proporre un possibile impiego di materiali “smart” all’avanguardia nel campo automobilistico del futuro.
In collaborazione con il collettivo di designer olandesi Droog, Nissan ha integrato in un crossover Juke un rivoluzionario rivestimento tecnologico con sensori di traspirazione, chiamato “SOAK”. Applicando tale rivestimento sul volante e sui sedili anteriori di Juke, si ottiene un sistema semplice e al tempo stesso efficace, in grado di segnalare ai conducenti quando è opportuno bere più acqua.
Il rivestimento SOAK funziona in maniera estremamente semplice, cambiando colore quando entra in contatto con il sudore, proveniente ad esempio dalle mani o dai vestiti di una persona che ha appena svolto attività fisica. In caso di disidratazione il rivestimento SOAK diventa giallo, per poi passare al blu quando la persona si reidrata.
Lucas Ordóñez, primo vincitore di Nissan GT Academy e affermato pilota della scuderia NISMO (Nissan Motorsport), è il protagonista di un video creato ad hoc, volto a sensibilizzare il pubblico sugli effetti della disidratazione al volante. Il video è disponibile al link: http://newsroom.nissan-europe.com/it/it-it/media/pressreleases/426205474/videos
Il Dott. Harj Chaggar, consulente medico del team NISMO, ha commentato: “Se da un lato molti atleti sono perfettamente consapevoli dell’importanza di una corretta idratazione, dall’altro molte persone al di fuori dell’ambiente sportivo non conoscono gli effetti della disidratazione sulle prestazioni fisiche e mentali. Integrando la tecnologia con sensori di traspirazione all’interno di un’auto, si ottiene un metodo innovativo per evidenziare questo problema, perché si favorisce la prevenzione dando informazioni dirette ai conducenti”.
L’innovativo rivestimento SOAK è nato originariamente dalla mente di Paulien Routs, ricercatrice e designer di Droog.
Paulien ha commentato: “Inizialmente SOAK era destinato all’abbigliamento sportivo. La mia visione si basa sulla creazione di soluzioni innovative che in qualche modo aiutino chi le indossa, utilizzando nuove tecnologie per portare la funzionalità nel mondo nella moda e del tessile, ma anche proponendo nuovi metodi di interazione con la nostra salute e il nostro corpo”.
Al momento Nissan non ha intenzione di inserire la tecnologia con sensori di traspirazione all’interno di Juke, ma questa iniziativa rappresenta appieno l’approccio innovativo del marchio e le sue pionieristiche tecnologie di sicurezza. Juke offre già numerose tecnologie all’avanguardia legate alla Nissan Intelligent Mobility, tra cui Intelligent Around View Monitor con riconoscimento oggetti in movimento, avviso angolo cieco e funzione di allerta cambio corsia.


###


Note per la stampa
www.lboro.ac.uk/media-centre/press-releases/2015/april/54-dehydrated-drivers.html
www.licencecheck.co.uk/blog/two-thirds-of-drivers-fail-to-identify-major-symptoms-of-dehydration
www.medicalnewstoday.com/articles/263648.php  
http://www.nielsen.com/us/en/insights/news/2014/tech-styles-are-consumers-really-interested-in-wearing-tech-on-their-sleeves.html