logo wat
technology
gennaio 11, 2021 - Val di Fiemme

Spitsov vince, ma il Tour De Ski é di Bolshunov: fuoco e 'fiemme' sul Cermis

  • Russia-Francia sfida senza esclusione di colpi sulle rampe che portano all’Alpe Cermis
  • Tattica ciclistica per sfiancare il pettorale giallo del Tour, che non molla e contrattacca
  • Ottima prova di #federicopellegrino, prima volta sul Cermis, 16° di giornata e 14° finale
  • Urlo di gioia per #sashabolshunov sul podio finale, davanti a #momomanificat e Denis Spitsov 

Ultima chiamata in #valdifiemme sull’Alpe Cermis per il #tourdeski, che alle ore 15:35 ha visto lo start della Final Climb maschile, a conclusione della 15.a edizione della corsa a tappe sugli #sci da fondo.

Gara tattica in stile Tour… de France, con Russia e Francia al gran completo per supportare i rispettivi ‘capitani’ Alexander Bolshunov e Maurice Manificat. Due Bonus Point disseminati sul percorso, dopo 2,3 km e 6,6 km dal via, equamente divisi tra le due formazioni, ma la vera bagarre comincia sulle prime rampe che portano alla cima. È la Francia la prima ad attaccare, con i ‘gregari’ Parisse e Lapierre a scortare Manificat nel tentativo di sfiancare il leader della classifica generale Bolshunov. Un lavoro ai fianchi che a 3 km dal traguardo sembra sortire gli effetti desiderati: Bolshunov appare in difficoltà, inciampa nei bastoncini e mette le mani a terra… la caduta dello ‘Zar’ sembra destinata a compiersi. Passa un chilometro, che sulle rampe dell’Olimpia III dura un’eternità, e la situazione si ribalta: è la Russia a lanciare l’offensiva e la Francia non riesce a rispondere. Spitsov attacca, Manificat prova a rispondere e Bolshunov – più indietro – passa al contrattacco. L’ultimo km è una cavalcata dell’armata rossa su ciò che resta dell’esercito francese ridotto al solo ‘Momo’.

Primo sul traguardo si presenta, trionfatore di giornata, il gioioso #denisspitsov, poco dietro di lui un rimontante, indomabile, incontrastabile Alexander Bolshunov, mai in difficoltà nel corso di questo #tourdeski e vincitore per il secondo anno consecutivo del trofeo di cristallo. Terzo un combattivo e audace Maurice Manificat che ha tentato in tutti i modi di contrastare l’esercito russo, salvo poi alzare bandiera bianca per manifesta superiorità dell’avversario.

Grandissima prestazione al #tourdeski per Federico ‘Chicco’ Pellegrino, conclusa con il 14° posto finale ed il 16° di giornata, autore di una scalata da vero specialista – lui che non aveva mai tentato l’attacco al Cermis – delle salite ‘impossibili’. Buona prova complessiva anche per Francesco De Fabiani, 15° nel Tour, che sull’Alpe ha però sofferto con la rottura di ben due bastoncini, Paolo Ventura 32°, Giandomenico Salvadori 35° e Mirco Bertolina 42°.

Sul podio l’urlo di gioia e liberatorio di Alexander #sashabolshunov a squarciare il silenzio di un Cermis purtroppo a ‘porte chiuse’, secondo il francese Maurice #momomanificat, terzo il grande protagonista della scalata al Cermis, #denisspitsov che grazie alla splendida prestazione agguanta in extremis il podio al #tourdeski. L’edizione che si conclude, per la 15.a volta in #valdifiemme, è di quelle da ricordare tanto grande è stato lo sforzo compiuto dal comitato organizzatore per realizzare un evento di caratura internazionale in questo periodo difficile.

L’attenzione del comitato fiemmese si sposta ora sulla combinata nordica del prossimo weekend, con lo sguardo sempre rivolto al futuro, ai prossimi #tourdeski e alle Olimpiadi invernali Milano-Cortina 2026.

Significativa la dichiarazione a fine gara di Pierre Mignerey, race director della FIS: “La gara finale in #valdifiemme non potrà essere tolta da questo #tourdeski, è probabilmente l’unica parte che rimarrà stabile”. E allora arrivederci in #valdifiemme nel 2022!